IL SILENZIO DEI CASSETTI

di Benedetto Sicca

con Paola Michelini, Valentina Picello, Filippo Renda, Beppe Salmetti, Giorgio Sorrentino, Simone Tangolo

light designer Marco Giusti

disegno scenico e costumi Mariapaola Di Francesco

musiche Chiara Mallozzi

debutto: Nuovo Teatro Nuovo di Napoli 7 febbraio 2015

To play, press and hold the enter key. To stop, release the enter key.

press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom

"Il silenzio dei cassetti" è una drammaturgia a quadri. L’azione diviene attraverso un meccanismo di montaggio che non segue la regola della  cronologia, ma dell’accumulo; e non segue neppure la  regola  della logicità: il piano della realtà, il piano della finzione e il piano del sogno sono tra loro sovrapponibili per costruire delle  ipotesi  di intreccio in cui il farsi della realtà è piuttosto un punto di vista dei personaggi, che non un racconto. Ogni quadro è potenzialmente ascrivibile a ciascuno dei tre piani, e come tale, contingente rispetto alla storia.

Al centro delle vicende che si intrecciano, piene di vicoli ciechi, ci sono i personaggi di Marinella e Tommaso: la loro lotta per l’affermazione della supremazia e della propria personalità, genera una rete di eventi e di relazioni, vere o presunte, che  di  fatto  ne  modificano le esistenze. 

Ma sono proprio i vicoli ciechi i veri conduttori del senso. L’accostamento delle immagini, delle problematiche quotidiane, delle inconsapevolezze sociali e politiche dei personaggi, parla di un mondo in cui il bene e il male sono categorie sfumate; di un mondo in cui la precarietà è la regola della convivenza civile; di un mondo in cui le contrapposizioni ideologiche sono tanto un prodotto televisivo, quanto possono divenire oggetto di un’indagine intima e profonda lunga una vita. 

Il linguaggio del testo oscilla tra una dominante impronta naturalistica e  quotidiana ed un’altra fortemente lirica.